viboonline.it ed i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego.

Fai una donazione

Amount:

Statistiche

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online

Condividi

ImmagineSalvato in mare velista americano in rotta per Tropea
Con una telefonata al numero di emergenza della sala operativa della Guardia Costiera di Vibo Marina, è arrivata la richiesta di aiuto da una imbarcazione a vela che, partita da Stromboli, faceva rotta verso Tropea, a circa quattro ore di distanza dal porto.

A bordo, un turista americano, R.C. di 72 anni, era in stato di forte insufficienza cardiorespiratoria.Immediata l’uscita della motovedetta che si è diretta alla massima velocità verso la barca. 20 minuti dopo la chiamata, infatti, l’unità di soccorso ha raggiunto l’imbarcazione ed ha provveduto al trasbordo del velista in difficoltà, e si è diretta al porto di Tropea, dove ad attenderli c’era un’autoambulanza del 118. Il turista americano è stato, così, trasferito all’ospedale di Tropea dove ha ricevuto le cura del caso.

Fonte: 21righe.it

comments
LeoneBanner AlexsitiwebLeonedestra

viboonline

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione. (Art. 21 della Costituzione). L' autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini presenti nel blog sono molto spesso prelevate da internet e quindi valutate di dominio pubblico. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e provvederò prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate, scusandomi anticipatamente per il disturbo arrecato.