viboonline.it ed i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego.

Fai una donazione

Amount:

Statistiche

Abbiamo 82 visitatori e nessun utente online

Condividi

ImmagineNon c'è gravità indiziaria, torna in libertà il boss Pantaleone Mancuso "Ingegnere"
Rimesso in totale libertà dal Tribunale del Riesame di Catanzaro il boss della 'ndrangheta Pantaleone Mancuso, 54 anni, alias "L'Ingegnere", di Limbadi, estradato in Italia nel febbraio scorso dopo essere stato catturato dalla gendarmeria argentina nell'agosto 2014 mentre tentava di attraversare il confine con il Brasile con un documento falso e 100 mila euro in contanti.

Il Tribunale ha scarcerato Mancuso in accoglimento di un'istanza di riesame avanzata dall’avvocato Francesco Sabatino e basata sulla carenza di gravità indiziaria nel confronti del boss, accusato dalla testimone di giustizia polacca Ewelina Pytlarz, ex moglie di Domenico Mancuso (cugino di Pantaleone Mancuso), del tentato omicidio a colpi di armi da fuoco (pistola e mitraglietta) della zia Romana Mancuso e del cugino (figlio di Romana) Giovanni Rizzo, fatto di sangue avvenuto il 26 maggio 2008 a Nicotera (Vv).

Per tale tentato omicidio, il gip distrettuale di Catanzaro, Assunta Maiore, aveva emesso il 2 aprile 2014 per Pantaleone Mancuso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, ora annullata dal Riesame che si è pronunciato dopo un annullamento con rinvio della Cassazione. Il 25 maggio scorso, il pm della Dda di Catanzaro, Camillo Falvo, per il duplice tentato omicidio ha chiesto 16 anni di carcere per Pantaleone Mancuso e 14 anni di reclusione per il figlio Giuseppe Mancuso. La sentenza è prevista per il mese di settembre.

Fonte: 21righe.it

comments
LeoneBanner AlexsitiwebLeonedestra

viboonline

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione. (Art. 21 della Costituzione). L' autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini presenti nel blog sono molto spesso prelevate da internet e quindi valutate di dominio pubblico. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e provvederò prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate, scusandomi anticipatamente per il disturbo arrecato.