viboonline.it ed i suoi partner utilizzano cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego.

Fai una donazione

Amount:

Statistiche

Abbiamo 109 visitatori e nessun utente online

Condividi

ImmagineLavoratori senza stipendio e produzione ferma
A Vibo dichiarata fallita l'azienda Marenostro
Chiude un'altra azienda storica del Vibonese: la "Marenostro". Ieri, infatti, il Tribunale di Vibo Valentia ha decretato il fallimento dell’Azienda di Portosalvo mettendo la parola fine ad una lunga e difficile vertenza iniziata nel 2006 subito dopo che la stessa aveva rilevato l’ex Nostromo.

I lavoratori ormai da più di un anno non percepivano lo stipendio e la produzione era ferma da giugno 2014.In questo periodo si è cercato di mettere in campo una serie di interventi per rilanciare l’attività produttiva in collaborazione con il prefetto Giovanni Bruno. Adesso si apre una fase nuova quando sarà ufficializzato il curatore fallimentare nominato dal Tribunale.

Il sindacato Slai Cobas chiederà a quest'ultimo un incontro per fare il punto della situazione: «Nel frattempo, con le elezioni del nuovo sindaco della città, avvieremo incontri istituzionali dove la Regione Calabria dovrà essere parte attiva lavorando per trovare nuovi investitori. Oggi il quadro è chiaro: bisogna adesso analizzare e valutare tutte le soluzioni possibili con un'unica certezza i lavoratori della "Marenostro" non sono più ostaggio di alcuno».

La chiusura dell'azienda ittica di proprietà del testimone di giustizia Vincenzo Ceravolo segue quella della Gam Oil di Rombiolo, che operava nel settore metalmeccanico, che ha lasciato a casa 120 persone.

Fonte: ilquotidianoweb.it

comments
LeoneBanner AlexsitiwebLeonedestra

viboonline

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001. Tutti hanno diritto di manifestare il proprio pensiero con la parola, lo scritto ed ogni altro mezzo di diffusione. (Art. 21 della Costituzione). L' autore dichiara di non essere responsabile dei commenti inseriti nei post, nemmeno se il commento viene espresso in forma anonima o criptata. Le immagini presenti nel blog sono molto spesso prelevate da internet e quindi valutate di dominio pubblico. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione o per qualsiasi violazione di copyright, non avranno che da segnalarlo e provvederò prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate, scusandomi anticipatamente per il disturbo arrecato.